Gruppo Solidarietà
Via D'Acquisto, 7
- 60030 Moie di Maiolati Sp. AN- ITALY
tel/fax 0731703327
grusol@grusol.it
 
Il materiale presente nel sito può essere ripreso citando la fonte
Home page - Chi siamo - Voce sul sociale - Centro Documentazione - Schede di approfondimento
Rivista Appunti - Banche Dati - Pubblicazioni - Informazioni - Links utili

 

“La liberta non sta nello scegliere tra bianco e nero,
ma nel sottrarsi a questa scelta prescritta"
Theodor W. Adorno.

Il rumore dell’integrazione

(torna all'indice informazioni)

P6_TA-PROV(2004)0076
Giornata mondiale di lotta contro l'AIDS
Risoluzione del Parlamento europeo sulla Giornata mondiale di lotta contro l'AIDS
Il Parlamento europeo,
– vista la Giornata mondiale di lotta contro l'AIDS, il 1° dicembre 2004, e il tema su cui essa verte: "Donne, ragazze e HIV/AIDS",

– visto il documento di lavoro della Commissione su una strategia coordinata e integrata di lotta contro l'HIV/AIDS nell'Unione europea e nei paesi limitrofi,

– vista la dichiarazione di Dublino, del 24 febbraio 2004, concernente il partenariato di lotta conto l'HIV/AIDS in Europa e in Asia centrale,

– visti la dichiarazione di impegno delle Nazioni Unite sull'HIV/AIDS, del 27 giugno 2001, e il programma UNAIDS in corso,

– visto l'obiettivo di ridurre il contagio dell'HIV/AIDS entro il 2015, stabilito nella Dichiarazione del Millennio firmata dai capi di Stato e di governo l'8 settembre 2000,

– visto l’articolo 103, paragrafo 4, del regolamento,

A. considerando che nel 2004 il numero complessivo di persone colpite dall'HIV/AIDS è aumentato in tutte le regioni del mondo per raggiungere una cifra stimata nell'ordine di 40 milioni; che il grado di infezione tra le donne è in continuo aumento a livello mondiale,

B. considerando che nel 1997 il 41% dei sieropositivi era composto da donne e ragazze ma che attualmente queste costituiscono circa la metà delle popolazione mondiale affetta da HIV/AIDS, con percentuali che arrivano al 57% nell'Africa subsahariana; che si contano sinora 40 milioni di sieropositivi e che approssimativamente il 90% di essi proviene da paesi in via di sviluppo,

C. considerando che le ineguaglianze di genere legate all'HIV/AIDS evidenziano la necessità di attribuire priorità finanziaria e politica alla messa a punto di vaccini accessibili a donne e ragazze prima dell'inizio della loro vita sessuale; considerando la necessità di coinvolgere le donne in tutte le pertinenti ricerche cliniche, anche nelle sperimentazioni sui vaccini,

D. considerando che dal 1995 il numero di nuovi casi di HIV in Europa occidentale è raddoppiato e che i tassi più elevati di nuove infezioni si registrano in alcuni dei nuovi Stati membri e nei paesi terzi confinanti con le regioni orientali dell'Unione,

E. considerando che per garantire il successo a lungo termine dell'azione contro l'HIV/AIDS sono essenziali maggiori investimenti nella ricerca e nello sviluppo, allo scopo di mettere a punto medicinali più efficaci per la terapia e la prevenzione,

F. considerando la fondamentale importanza di promuovere pratiche sessuali sicure e i microbicidi, che sono considerati un promettente strumento di prevenzione,

G. considerando che i diritti alla salute sessuale e riproduttiva sono intrinsecamente connessi alla prevenzione dell'HIV/AIDS e di altre malattie legate alla povertà e che il conseguimento degli Obiettivi di sviluppo del Millennio (MDG), in generale, e quelli volti alla promozione dell'uguaglianza di genere e a una maggiore autonomia della donna, riducendo la mortalità infantile, migliorando la salute delle madri e combattendo l'HIV/AIDS, in particolare, sarà possibile soltanto se i problemi di salute sessuale e riproduttiva vengono posti al centro dell'agenda relativa agli MDG,

H. considerando che, sulla scorta dei recenti dati pubblicati dall'UNAID, risultano essere aumentati anche i livelli di infezione in tutta l'Unione europea, in particolare tra i soggetti di età compresa tra i 15 e i 25 anni,

I. considerando che le imprese farmaceutiche devono individuare il modo in cui ridurre i prezzi, giacché i paesi in via di sviluppo non possono permettersi i farmaci antivirali disponibili nei paesi industrializzati,

J. considerando che in alcuni paesi i costi legati all'HIV/AIDS finiranno presto con l'assorbire oltre la metà del bilancio destinato alla sanità,

K. considerando che un intervento carente contro l'epidemia di HIV/AIDS potrebbe sfociare, in particolare nell'Africa australe, in una crisi senza precedenti, capace di minare non solo la salute e lo sviluppo ma anche la sicurezza nazionale e la stabilità politica di diversi paesi,

L. considerando che il Consiglio generale dell'OMC ha adottato una deroga all'articolo 31, lettera f) dell'accordo TRIPS, in virtù della quale i membri dell'OMC possono concedere licenze obbligatorie per la produzione e la distribuzione di farmaci brevettati destinati all'esportazione in paesi terzi con capacità produttiva insufficiente o assente nel settore, il che dovrebbe aumentare la disponibilità di medicinali a basso costo in tali paesi,

M. considerando che, con l'entrata in vigore delle norme TRIPS il 1° gennaio 2005, molti paesi in via di sviluppo non avranno più la possibilità di produrre medicinali generici,

1. riafferma il diritto di ogni essere umano all'assistenza sanitaria e alle prestazioni mediche;

2. ricorda che se non si inverte la tendenza ad una continua crescita del numero dei sieropositivi non vi sarà alcuna possibilità di realizzare l'Obiettivo di sviluppo del Millennio che sottende tutti gli altri, cioè quello di eliminare le situazioni di estrema povertà e fame, dimezzando entro il 2015 il numero di persone che vivono con meno di un dollaro al giorno e che soffrono la fame;

3. sollecita la Commissione e gli Stati membri a versare un contributo di almeno 1 miliardo di euro al Fondo globale di lotta contro l'HIV/AIDS, la malaria e la tubercolosi (GFATM) su base duratura; ricorda l'impegno assunto dal G8 e dal resto della comunità internazionale a rispettare un obiettivo generale di spesa annuale fra i 7 e i 10 miliardi di euro;

4. sottolinea che le strategie necessarie per combattere in modo efficace l'epidemia di HIV/AIDS devono comportare un approccio globale in materia di prevenzione, educazione, assistenza e cure sanitarie e prevedere altresì il ricorso a tecnologie attuali, un più ampio accesso alle cure, nonché lo sviluppo in tempi strettissimi di vaccini e microbicidi;

5. esprime preoccupazione anche per l'aumento dei tassi di infezione in alcune società che, a priori, hanno pieno accesso a tutte le necessarie informazioni sulla prevenzione e le modalità da seguire per evitare i rischi, in particolare tra i soggetti di età compresa tra i 15 e i 25 anni;

6. rileva che l'iniziativa internazionale per un vaccino contro l'AIDS ha richiamato l'attenzione sulla mancanza di finanziamenti del settore privato; invita pertanto i donatori privati a unirsi ai settori caritativo e pubblico per sviluppare vaccini, specialmente in Africa;

7. esorta l'Unione europea e i suoi Stati membri ad accrescere considerevolmente i finanziamenti per la messa a punto di microbicidi, dato che stime prudenti suggeriscono che l'introduzione anche di un microbicida parzialmente efficace consentirebbe di evitare l'insorgere di 2,5 milioni di casi di HIV su un periodo di tre anni e che con un adeguato sostegno finanziario sarebbe possibile sviluppare un microbicida efficace entro la fine del decennio;

8. sottolinea che l'accesso ai medicinali, tra cui i vaccini e i prodotti diagnostici, riveste un'importanza cruciale, e che la riduzione dei costi di tali cure dovrebbe costituire una priorità; invita pertanto l'industria farmaceutica a ridurre i prezzi;

9. sollecita l'industria farmaceutica europea ad assegnare una parte significativa delle proprie risorse a medicinali antivirali e altri farmaci essenziali;

10. invita la Commissione e gli Stati membri a moltiplicare gli sforzi per la ricerca e lo sviluppo di farmaci più efficaci sul versante terapeutico e preventivo, al fine di assicurare il successo a lungo termine dell'azione contro l'HIV/AIDS; invita in particolare l'Unione e i suoi Stati membri ad attivare finanziamenti supplementari onde consentire efficaci partenariati con le imprese farmaceutiche per lo sviluppo di vaccini;

11. prende atto con grande interesse della recente scoperta che un antibiotico relativamente poco costoso (il cotrimoxazolo) ha quasi dimezzato il tasso di mortalità legato all'AIDS tra i bambini africani; osserva che, sebbene il farmaco in questione non curi l'HIV, esso è chiaramente utile per prevenire le infezioni secondarie che uccidono un gran numero di bambini sieropositivi con il sistema immunitario indebolito, a un costo annuo di soli 7-12 dollari pro capite, rispetto ai 300 dollari degli antiretrovirali meno costosi;

12. deplora il fatto che, per molti anni, i pregiudizi prevalenti in taluni ambienti circa l'uso di profilattici hanno impedito che si prestasse la necessaria attenzione al problema dell'HIV/AIDS;

13. invita l'Organizzazione delle Nazioni Unite e i suoi membri ad accrescere notevolmente la visibilità e l'importanza delle questioni attinenti alla salute sessuale e riproduttiva in sede di riesame degli Obiettivi di sviluppo del Millennio il prossimo anno;

14. invita l'Unione europea a continuare a privilegiare le questioni attinenti alla salute sessuale e riproduttiva mediante il finanziamento di programmi sulla pianificazione familiare, e in particolare ad influire sui comportamenti sessuali per mezzo di strategie di riduzione del rischio, ad educare i giovani, segnatamente le ragazze e le giovani donne, circa le malattie sessualmente trasmissibili e l'HIV e a incoraggiare l'uso di preservativi unitamente ad altri metodi di contraccezione, nonché a combattere ogni tipo di disinformazione sull'efficacia dei preservativi;

15. chiede alla Commissione di incoraggiare i paesi in via di sviluppo a ripristinare e a sviluppare i servizi pubblici nei settori essenziali, quali l'accesso alla rete idrica e alle installazioni sanitarie, la salute e l'istruzione;

16. sottolinea che l'HIV/AIDS non può essere affrontato in modo isolato, in quanto si tratta di un problema spesso associato ad altre malattie, quali la tubercolosi, l'epatite C e i disturbi mentali come la depressione, e che pertanto occorre ricercare soluzioni assistenziali e terapeutiche per tutte queste malattie;

17. chiede con insistenza alla Commissione di mettere a punto strumenti legislativi specifici volti a promuovere le attività di ricerca e di sviluppo su malattie neglette e legate alla povertà, di vegliare affinché il risultato di queste ricerche risponda alle esigenze specifiche dei paesi in via di sviluppo e contribuisca ad un rapido miglioramento della situazione in termini di sanità pubblica;

18. invita tutte le parti interessate ad accelerare le misure per l'autorizzazione di nuovi farmaci e vaccini e ad assicurare che anche nei paesi europei più poveri i pazienti possano beneficiare di cure a prezzi accessibili;

19. deplora la mancanza di cure palliative per i malati terminali di AIDS e chiede vivamente che vengano formate e sostenute équipe specializzate in tali cure;

20. plaude alla proposta della Commissione che istituisce un quadro uniforme per il rilascio di licenze obbligatorie per la produzione e l'esportazione di medicinali a basso costo, destinati ai paesi aventi diritto che ne hanno necessità;

21. insiste sull'importanza di assicurare che l'obiettivo di fornire ai paesi in via di sviluppo medicinali a prezzi accessibili non sia messo a repentaglio da procedure eccessivamente restrittive od onerose né dalla reimportazione nell'Unione europea di farmaci fabbricati su licenza obbligatoria;

22. sollecita i paesi sviluppati ad adottare una deroga all'applicazione dell'accordo TRIPS in tale settore, in modo da consentire alle imprese farmaceutiche nei paesi in via di sviluppo di continuare a fornire medicinali generici a basso costo;

23. sollecita la Commissione ad opporsi, sia a livello dell'OMC che nelle sue relazioni bilaterali, alla prassi degli Stati Uniti di includere negli accordi bilaterali con paesi in via di sviluppo disposizioni che obbligano tali paesi a rinunciare al diritto riconosciuto dalla dichiarazione di Doha di utilizzare o importare i farmaci generici necessari alla salute pubblica delle rispettive popolazioni; sollecita l'UE ad astenersi dal prendere qualsiasi iniziativa analoga;

24. invita l'Unione europea a elaborare politiche e programmi in tale ambito e chiede alla Commissione di assicurare che siano disponibili maggiori risorse nel quadro delle prospettive finanziarie 2007-2013, allo scopo di finanziare una risposta ben più incisiva al problema dell'HIV/AIDS, anche mediante un contributo pluriennale al Fondo mondiale per la lotta all'HIV/AIDS, alla malaria e alla tubercolosi;

25. ritiene fermamente che l'Unione debba svolgere un ruolo importante sia per i propri cittadini, sia per quelli dei paesi terzi nella lotta globale contro tale malattia; accoglie con soddisfazione, a tale riguardo, i finanziamenti già concessi dall'Unione per progetti di ricerca, lo scambio di prassi corrette e il coinvolgimento delle ONG, in particolare di quelle che si trovano nella migliore condizione per far fronte alle sfide specifiche dei gruppi vulnerabili, quali gli immigranti, le persone che esercitano la prostituzione, ecc.;

26. plaude alla decisione del Regno Unito, della Svezia e dei Paesi Bassi di accogliere le richieste di numerose ONG di concedere ulteriori contributi al Fondo mondiale per la lotta all'HIV/AIDS, alla malaria e alla tubercolosi;

27. invita gli Stati membri dell'Unione europea, e in particolare il governo italiano, a rispettare l'impegno di contribuire al Fondo mondiale per la lotta all'HIV/AIDS, alla malaria e alla tubercolosi e di assicurare il proseguimento di tutte le azioni in corso;

28. invita la nuova Commissione ad assicurare che i finanziamenti continuino a colmare il "vuoto di decenza" lasciato dalla sospensione dei finanziamenti all'UNFPA da parte degli Stati Uniti, non solo nei paesi in via di sviluppo ma anche nell'Europa orientale e nell'Asia centrale;

29. accoglie positivamente la dichiarazione della Commissione del 23 novembre 2004 in merito alla presentazione, nell'aprile 2005, di un piano d'azione per la lotta all'AIDS, e resta in viva attesa di azioni concrete;

30. incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione, ai governi degli Stati membri, ai copresidenti dell'Assemblea parlamentare paritetica ACP-UE, all'OMC, all'OMS e all'UNAIDS.