Gruppo Solidarietà
Via D'Acquisto, 7
- 60030 Moie di Maiolati Sp. AN- ITALY
tel/fax 0731703327
grusol@grusol.it
 
Il materiale presente nel sito può essere ripreso citando la fonte
Home page - Chi siamo - Voce sul sociale - Centro Documentazione - Schede di approfondimento
Rivista Appunti - Banche Dati - Pubblicazioni - Informazioni - Links utili

 

COMMENTO AL TESTO UNIFICATO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO DELLA CAMERA

(torna all'indice informazioni)

IL COMITATO RISTRETTO DELLA CAMERA HA RIUNIFICATO IN UN TESTO BASE LE PROPOSTE DI LEGGE PRESENTATE DAGLI ON. BATTAGLIA, DI VIRGILIO, CASTELLANI, BINDI, VALPIANA, CHE PREVEDONO L'ISTITUZIONE DI UN FONDO PER IL SOSTEGNO DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI.

IL TESTO UNIFICATO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO ALLA DATA DEL 2 OTTOBRE 2003 PRESENTA DEI PUNTI CHE ANDREBBERO INTEGRATI COME SEGUE:

Art. 1, punto 2
Ai fini della presente legge sono considerate non autosufficienti le persone che, per una minorazione singola o plurima o per la presenza di malattie croniche invalidanti abbiano subito una riduzione dell'autonomia personale, correlata all'età anagrafica dei coetanei normodotati, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione.
Motivazioni: si chiede di inserire correlata all'età anagrafica dei coetanei normodotati perché l'età deve avere come termine di paragone i cittadini normali; infatti non necessariamente chi è "anziano" è anche "non autosufficiente", così come vi sono casi di soggetti ancora giovani, che presentano gravi condizioni di non autosufficienza e che necessitano quindi di sostegno per continuare a restare al proprio domicilio.
Il richiamo alle malattie croniche invalidanti è per sottolineare che il fondo deve essere utilizzato anche per gli adulti e anziani cronici non autosufficienti, per i quali la causa che crea non autosufficienza non è determinata da una menomazione (fisica, sensoriale o intellettiva), ma dalla malattia.

Art. 1, punto 4
Sostituire "a carico delle famiglie" con "a carico degli utenti", ai sensi di quanto disposto dall'art. 25 della legge 328/2000.
Motivazioni: Il fondo deve essere un diritto soggettivo e pertanto va erogato tenendo conto del reddito e del patrimonio dell'interessato e non della famiglia che, volontariamente, decide di continuare ad accogliere presso di sé il proprio congiunto non autosufficiente.
Poiché il fondo è indicato nell'art. 15 della legge 328/2000, per analogia vanno applicate le disposizioni previste dalla stessa legge per quanto concerne la compartecipazione.
Oltretutto il dispositivo indicato (Dpcm) non ha vigore di legge.

Art. 2, lettera a)
Si chiede di mantenere a parte l'indennità di accompagnamento, salvaguardandone le caratteristiche di finanziamento ed erogazioni attuali e, quindi, non inserita tra le prestazioni del fondo per i non autosufficienti, che ha altri obiettivi e altri finanziamenti.
Motivazioni: è bene mantenere separati i capitoli di finanziamento dei due provvedimenti, in quanto non vorremmo che a fronte della scarsità di risorse (perenne in questo ambito) le risorse del Fondo (che è un intervento discrezionale e non obbligatorio) venissero alla fine utilizzate per erogare soltanto le indennità di accompagnamento (diritto soggettivo e, quindi, esigibile).

----------------------
CSA - Coordinamento sanità assistenza tra i movimenti di base, Via Artisti 36, 10124 Torino, info@fondazionepromozionesociale.it