Gruppo SolidarietÓ
Via D'Acquisto, 7
- 60030 Moie di Maiolati Sp. AN- ITALY
tel/fax 0731703327
grusol@grusol.it
 
Il materiale presente nel sito può essere ripreso citando la fonte
Home page - Chi siamo - Voce sul sociale - Centro Documentazione - Schede di approfondimento
Rivista Appunti - Banche Dati - Pubblicazioni - Informazioni - Links utili

 

Fondo non autosufficienti. Comunicato FISH

(torna all'indice informazioni)


Il 23 c.m, andrÓ in discussione alla Camera il testo unificato delle proposte di legge per la creazione del Fondo per non autosufficienti. Si tratta di un testo, di cui Ŕ relatrice l'On.Katia Zanotti, nel quale sono confluite le proposte della maggioranza e dell'opposizione; il testo ha ottenuto l'appoggio dei due Ministri competenti, Sirchia e Maroni, e dei Viceministri Grazia Sestini, Cursi e Guidi, oltre che dei responsabili di tutti i Partiti, ad eccezione di Rifondazione Comunista.
La Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap (FISH) e le organizzazioni aderenti chiedono l'approvazione di questo provvedimento, necessario per aumentare le magre risorse destinate alla cura delle persone in condizione di non autosufficienza. Altrimenti queste vengono fatte oggetto di colpevole abbandono da parte del Servizio sanitario nazionale, che ne decreta l'espulsione precoce dall'ospedale e l'invio in residenze a pagamento.
Nessuna trasmissione televisiva, che pure Ŕ indice della buona volontÓ e del buon cuore dei cittadini, come "30 ore per la vita", potrÓ mai raccogliere le risorse necessarie per tutti queste persone: occorre che i Parlamentari approvino la legge e il relativo finanziamento, che impone un'addizionale sui redditi in misura inferiore dell'1% del reddito.
E' ingiusto che questi persone e le loro famiglie debbano spendere circa 50 Euro al giorno per ottenere l'assistenza domiciliare integrata o le residenze sanitarie assistenziali decorose: soltanto un nuovo fondo per la non autosufficienza pu˛ ridurre, o eliminare, queste contribuzioni a dimensioni sopportabili.

Il Presidente
Pietro Vittorio Barbieri


Roma 20 febbraio 2004