Gruppo Solidarietà
Via D'Acquisto, 7
- 60030 Moie di Maiolati Sp. AN- ITALY
tel/fax 0731703327
grusol@grusol.it
 
Il materiale presente nel sito può essere ripreso citando la fonte
Home page - Chi siamo - Voce sul sociale - Centro Documentazione - Schede di approfondimento
Rivista Appunti - Banche Dati - Pubblicazioni - Informazioni - Links utili

 

ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI ITALIANI
Associazione Regionale dei Piemonte

(torna all'indice informazioni)

Prot. n. 1991/9.79 Torino 18 novembre 2002

All'Assessore Regionale
Dott.ssa Mariangela COTTO

All'Assessore Regionale
Dott. Antonio D'AMBROS10
Al Direttore Regionale
Dott. Ruggero TEPPA
Al Direttore Regionale
Dott. Luigi ROBINO

Loro sedi

Oggetto: Proposta d'intesa Regione - Enti Locali per l'attuazione del DPCM 29.11.2001 del 13.11.2002.

Visto

il documento elaborato e proposto dagli assessorati regionali alla Sanità ed Assistenza della Regione Piemonte in merito all'accordo preventivo di applicazione dei LEA;

Considerato

che tale documento non si ritiene esaustivo rispetto alle istanze vicendevolmente proposte;

Ribadito

come indispensabile un approfondimento delle tematiche programmatiche tecnico/finanziarie pluriennali sottese all'applicazione dei LEA a garanzia del sistema sociosanitario attualmente in essere per la popolazione piemontese;

Confermati

i contenuti dei documenti inviati in data 1 1/09/2002 che di seguito si riassumono:

  1. garanzia di una corretta ed omogenea applicazione di quanto disposto dal Decreto Legislativo 502/1992 e s.m.i, in ordine alla funzioni di programmazione e controllo degli Enti Locali in materia sanitaria e sociosanitaria (Conferenza dei Sindaci e Comitato dei Sindaci di Distretto)
  2. Definizione della "titolarità" istituzionale dei Servizi e delle modalità di "presa in carico " integrata.
  3. Definizione degli standard prestazionali dei Livelli Essenziali sia Sanitari che SocioSanitari (per esempio: raggiungimento del 2 per mille della popolazione ultrasessantacinquenne dei posti in residenzialità)
  4. Previsioni, all'interno del piano di Attività Aziendale, e relativo piano Finanziario, di una specifica sezione SocioSanitaria, sottoscritta in via preliminare dagli Enti titolari delle rispettive funzioni.
  5. Individuazione dei livelli di accesso e di contribuzione dei cittadini, così come previsto dalla legge 328/2000 alla voce "Funzioni Regionali"
  6. Concertazione di linee guida per la valutazione dello "stato di gravità" e l'individuazione delle fasi "intensiva/estensiva" e di "lungoassistenza" e definizione delle condizioni di "dipendenza".
Si prende atto e si concorda

su quanto espresso nel documento sopraccitato quando si afferma che:

"Per l'anno 2003 la Regione, istituendo apposito capitolo sul bilancio regionale, assicura le risorse finanziarie necessarie per far fronte ai maggiori oneri derivanti agli utenti e/o agli Enti Locali dall'applicazione del DPCM 29/11/2001"

ed altresì quando si afferma che:

"Le parti si impegnano ad attivare un tavolo congiunto che, entro il 2003, approfondisca le richieste di chiarimento e di specificazioni avanzate dagli Enti Locali."

Con riferimento a quanto stabilito dal titolo V della Costituzione ed ai compiti e alle funzioni di cui sono titolari la Regione e gli Enti Locali, è indispensabile, per attivare la concertazione, disporre del quadro complessivo delle risorse destinate dal livello statale e regionale al sistema degli Enti Locali.

Si propone pertanto di adottare un metodo che abbia come riferimento quanto previsto nel Documento di Programmazione Economico/Finanziaria Regione Piemonte e nel Bilancio annuale e pluriennale di previsione, per procedere al riscontro con le risorse complessive e settoriali previste nella Legge Finanziaria Regionale e con gli specifici capitoli di Bilancio.

Al fine di avere precisi punti di riferimento per tutelare gli interessi dell'Utenza, si sottolinea inoltre la necessità di disporre del Piano SocioSanitario Regionale e della Legge Regionale di attuazione della L. 328/2000.

E' appena il caso di rammentare come sia indispensabile garantire che le procedure legislative/istituzionali che sottendono all'applicazione dei LEA vengano puntualmente messe in atto con gli strumenti normativi previsti dal titolo V della Costituzione (con specifico provvedimento legislativo regionale).

In attesa di riscontro, cordialmente.

A..N.C.I.
Lega per le Autonomie e Poteri Locali
Consulta dei Piccoli Comuni
U.N.C.E.M.
U.P.P.