Gruppo Solidarietà
Via D'Acquisto, 7
- 60030 Moie di Maiolati Sp. AN- ITALY
tel/fax 0731703327
grusol@grusol.it
 
Il materiale presente nel sito può essere ripreso citando la fonte
Home page - Chi siamo - Voce sul sociale - Centro Documentazione - Schede di approfondimento
Rivista Appunti - Banche Dati - Pubblicazioni - Informazioni - Links utili

 

COMUNICATO STAMPA

ANZIANI E DISABILI: IL DIRITTO AGLI AUSILI

(torna all'indice informazioni)


La FIOTO (Federazione Italiana Operatori Tecnica Ortopedica) delle Tre Venezie ha indetto, per il giorno 24 marzo, una giornata di protesta che susciterà vasta eco e verosimile emulazione in altre regioni italiane. La Federazione raggruppa la maggioranza dei fornitori e produttori di ortesi e protesi. L'iniziativa sarà seguita dal blocco, scaglionato, della fornitura di prodotti essenziali alla mobilità e all'autonomia delle persone con disabilità (ortesi spinali, protesi di arto ecc.), presidi che sono oggi forniti in buona parte a carico dello Stato. La protesta - che ci auguriamo sortisca gli effetti desiderati prima di arrecare danno agli utenti - nasce da un legittimo disagio: i costi riconosciuti ai fornitori sono calcolati su indicatori del 1995.

Purtroppo ciò che la FIOTO fa emergere non è l'unico elemento di crisi nel comparto della fornitura degli ausili. È un disagio profondo che interessa anche gli attori più deboli e cioè le persone con disabilità.

La FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap) ha denunciato più volte l'inadeguatezza del sistema.
Le prescrizioni di ausili sono troppo spesso approssimative, mal calibrate sulle reali esigenze delle persone, non coinvolgono attivamente l'interessato e la sua famiglia, non sono quasi mai il risultato di un lavoro di équipe composte da professionalità diverse.
I tempi di autorizzazione degli ausili prescritti sono spesso ingiustificatamente lunghi, e comunque ben oltre le stringenti urgenze delle persone anziane o con disabilità. Possono trascorrere dei mesi prime che le ASL competenti appongano un timbro di approvazione.
I tempi per la fornitura vanno spesso ben oltre i limiti temporali posti dal Decreto 332/1999 che regolamenta la materia.
Le ASL dovrebbero poi provvedere a collaudare i prodotti forniti (e pagati in parte o in toto dal Fondo Sanitario). Il collaudo si risolve, in taluni casi, in una sbrigativa operazione burocratica.
Non ci risulta - ma gradiremmo essere smentiti - che le Regioni abbiano attivato puntuali monitoraggi sulle prescrizioni, sulle autorizzazioni, sulle forniture e sui collaudi.

A ciò si aggiungano alcuni vizi di fondo. In molti casi le ASL pagano solo una parte dell'ausilio. Il resto rimane a carico dell'utente, indipendentemente dal suo reddito.
Il Decreto 332/1999 prevedeva un trattamento, le cui regole e modalità non sono ancora state disciplinate, di maggiore attenzione per le persone con gravissima disabilità.
Un'ultima annotazione merita il riciclo degli ausili, attività che potrebbe essere utile alle emergenze degli utenti se non fosse intesa da molte ASL meramente come una soluzione di risparmio economico.

Sono questi solo alcuni dei problemi che andrebbero affrontati in modo organico con l'obiettivo di garantire un servizio efficace ed efficiente a chi degli ausili proprio non ne può fare a meno. Fino ad oggi le persone anziane e con disabilità non sono mai state coinvolte in nessun tavolo di confronto nazionale o regionale. I tempi sono maturi perché anche questi cittadini (utenti e consumatori) possano apportare il loro contributo nel fissare nuove regole. Nell'interesse di tutti!

22 marzo 2004



Pietro V. Barbieri
Presidente Federazione Italiana
per il Supermento dell'Handicap