Gruppo Solidarietà
Via Fornace, 23
- 60030 Moie di Maiolati Sp. AN- ITALY
tel/fax 0731703327
grusol@grusol.it
 
Il materiale presente nel sito può essere ripreso citando la fonte
Home page - Chi siamo - Voce sul sociale - Centro Documentazione - Schede di approfondimento
Rivista Appunti - Banche Dati - Pubblicazioni - Informazioni - Links utili

(indice Voce sul sociale)

C.A.T.
Comitato Associazioni di Tutela

Associazioni aderenti:

Aism Regionale
Alzheimer Marche
Anffas Jesi
Anglat Marche
Angsa Marche
Ass. Free Woman
Ass. La Crisalide
Ass. La Meridiana
Ass. Libera Mente
Ass. Paraplegici Marche
Centro H
Gruppo Solidarietà
Tribunale della salute Ancona
Uildm Ancona



Ancona, 1 febbraio 2008
Sindaco e assessore servizi sociali Comune Serra De’ Conti
E p.c. - Sindaco e assessore servizi sociali Comune Ostra Vetere

Oggetto: Contribuzione degli utenti frequenza CSER Ostra Vetere


Questo Comitato è stato informato da alcune famiglie (Cesaretti e Quagliani) residenti nel Comune di Serra de Conti della situazione riguardante la contribuzione economica richiesta alle famiglie ai fini della fruizione del Centro diurno in oggetto e della contribuzione richiesta per gli anni 2005-2006.
Con ogni franchezza non ci saremmo mai aspettati di trovarci di fronte a servizi operanti in una totale assenza di regolamentazione. Il fatto poi che retroattivamente si chiedano ulteriori contribuzioni, rispetto a quanto già versato, è fatto di assoluta gravità. Peraltro vi è noto che in quegli stessi anni la Regione non ha diminuito il contributo ai centri diurni, mantenendo la quota pari al 50% del costo del personale, ha soltanto dato il contributo non sulla cifra a preventivo, considerato che molti enti locali gonfiavano gli stessi, ma a consuntivo. Pare davvero incredibile che a fronte di tutto ciò siano gli utenti a dovere integrare le già cospicue somme a loro carico. Sarebbe peraltro utile sapere quanto per gli anni 2005-06 e precedenti il Comune di Serra de’ Conti metteva a bilancio per la frequenza del Centro diurno degli ospiti residenti nel Comune.
Quanto ai criteri di compartecipazione, vi è nota l’obbligatorietà a seguito dei decreti legislativi 109/1998 e 130/2000 e degli atti applicativi degli stessi che per le prestazioni sociali agevolate come quelle in questione i Comuni sono obbligati all’utilizzo dell’Isee per regolamentare la contribuzione degli utenti al costo del servizio. Vi è altresì noto che con il d.lgs 130/2000 sì è stabilito che per soggetti in situazione di grave disabilità ai sensi dell’art. 3 della legge 104/1992 la partecipazione al costo del servizi deve essere prevista avendo come riferimento il reddito del solo richiedente la prestazione e non del nucleo familiare; la mancata emanazione del dpcm - come evidenzia la recente sentenza del TAR Marche che si allega - non può impedire l’applicazione del decreto legislativo sopra citato. Di tutto questo non c’è traccia nei criteri con i quali viene calcolata la partecipazione dell’utente al costo del servizio.
Alleghiamo anche, al riguardo, il dettagliato parere del Difensore Civico della Regione Marche del 23 gennaio 2007 che dovrebbe essere a vostra conoscenza.
In attesa di conoscere in base a quale normativa viene assoggettata alle famiglie una corresponsione come quella prevista, si inviano cordiali saluti

il Comitato

All. 1- Sentenza Tar Marche
All. 2 – Parere difensore civico regione Marche