Gruppo Solidarietà
Via Fornace, 23
- 60030 Moie di Maiolati Sp. AN- ITALY
tel/fax 0731703327
grusol@grusol.it
 
Il materiale presente nel sito può essere ripreso citando la fonte
Home page - Chi siamo - Voce sul sociale - Centro Documentazione - Schede di approfondimento
Rivista Appunti - Banche Dati - Pubblicazioni - Informazioni - Links utili

(indice Voce sul sociale)

Gruppo Solidarietà, Via S. D'acquisto 7, 60030 Moie di Maiolati (AN). Tel. e fax 0731.703327, grusol@grusol.it

10 gennaio 2003

- Commissario straordinario ASL 5
- Direttore sanitario Asl 5
- Responsabile del Distretto Sanitario A
- Componenti dell'UMEA
- Sindaco del Comune di Santa Maria Nuova
- Sindaco Comune di Jesi - Capofila gestione associata
- Coordinatore tecnico servizi handicap Comuni associati
e. p. c. - Assessore ai servizi sociali della regione Marche

Oggetto: Lettera della famiglia ……. del 10 dicembre 2002.


Facciamo riferimento alla lettera in oggetto e a quella inviata in data 12 novembre dal Responsabile del distretto A alla famiglia; in data odierna tale lettera non risulta riscontrata.

Questa associazione sollecita quindi con urgenza una risposta circostanziata rispetto a quanto indicato nella lettera in particolare nei punti:

- "non abbiamo avuto mai alcun aiuto e abbiamo sempre dovuto provvedere da soli per cercare di trovare una soluzione ai problemi di C.",
- "Ci siamo, così, di nuovo rivolti all'UMEA chiedendo di vedere ed andare a fondo sul problema; ci venne risposto che essendo dei tecnici non è di loro competenza".
- "Alla richiesta di visite specialistiche in quanto notavamo comportamenti anomali al rientro dal Centro; ci venne risposto che non era di competenza dell'UMEA"!
- "Cosa ha fatto effettivamente l'UMEA per affrontare i problemi di autolesionismo?"
- "L'UMEA deve elencare le azioni intraprese per capire perché C. dall'agosto del 2001 ha iniziato con pratiche di autolesionismo?"
- "L'UMEA in tutta questa vicenda non ha nulla da rimproverarsi?"

In attesa di ricevere, come sopra indicato, una circostanziata risposta riguardo i punti sopra indicati riteniamo che non sarebbe inopportuno che i servizi tutti si interrogassero sull'assai diffusa "precarietà del rapporto di fiducia" tra utenti, familiari e operatori al fine di verificarne le ragioni.

Distinti saluti


Gruppo Solidarietà