Gruppo Solidarietà
Via Fornace, 23
- 60030 Moie di Maiolati Sp. AN- ITALY
tel/fax 0731703327
grusol@grusol.it
 
Il materiale presente nel sito può essere ripreso citando la fonte
Home page - Chi siamo - Voce sul sociale - Centro Documentazione - Schede di approfondimento
Rivista Appunti - Banche Dati - Pubblicazioni - Informazioni - Links utili

(indice Voce sul sociale)

Gruppo Solidarietà, Via S. D’acquisto 7, 60030 Moie di Maiolati S. (AN). Tel. e fax 0731.703327 grusol@grusol.it


19 ottobre 2005

- Al Direttore Zona territoriale 5
- Al Responsabile governo clinico
- Al Direttore del Distretto

Oggetto: Rif. Lettera 12 luglio 2005. Ripresa confronto.

Facendo seguito all’incontro del 7 luglio 2005 e della successiva nota del direttore del 12 luglio nella quale si comunicava la disponibilità ad un confronto con la nostra associazione, chiediamo la ripresa del confronto, a partire da alcuni dei punti discussi nel precedente incontro e da noi riproposti con nota del 14 luglio.

Oltre agli aggiornamenti che vorrete comunicarci riguardo i temi già affrontati in occasione dell’incontro e nella nota allegata alla lettera elenchiamo le seguenti proposte - che potranno essere oggetto di confronto - sulla erogazione ed organizzazione dei servizi.

Ovviamente alcune richieste formulate rimangono intatte e ci auguriamo di poter ricevere indicazioni positive. Nello specifico:
a) articolazione oraria delle cure domiciliari, nel rispetto della DGR 606/2001 su sei giorni comprendenti anche i pomeriggi, con l’assicurazione di alcune prestazioni anche nei festivi; definizione delle prestazioni erogate in ADI;
b) presenza del geriatra nella rete dei servizi;
c) attivazione della riabilitazione domiciliare in ADI;
d) modalità erogazione dei “supporti nutrizionali”

Segnaliamo inoltre il permanere del sostanziale non funzionamento delle UMEA nei territori degli ex distretti di Filottrano e Moie. Ribadiamo che le funzioni assegnate prescindono dai processi di riorganizzazione.

In merito ai percorsi per l’accesso ai servizi (domiciliare e residenziale) per anziani non autosufficienti e per soggetti affetti da demenza, se già non predisposti, formuliamo le seguenti proposte:
a) Predisposizione di un regolamento di funzionamento della UVD (funzioni, composizione, modalità operative, percorsi di accesso ai vari servizi, ecc ..);
b) Per i soggetti in RSA, il rispetto delle indicazioni contenute nella nota del 17.3.2004 del direttore di Zona, in merito alle modalità di dimissione e più in generale della normativa regionale vigente. Specificazione di quali prestazioni sono ricomprese nella quota alberghiera.
c) Nel caso, a seguito di valutazione, ricorrano le condizioni per un ricovero permanente nel NAR/RP (sia di utente proveniente dal domicilio che da struttura sanitaria); sarà compito della UVD predisporre il ricovero e inserire, in assenza di posto disponibile, in lista di attesa il soggetto; prevedere la definizione di un percorso di rivalutazione dei soggetti ospiti di case di Riposo per i quali causa delle mutate condizioni di salute ricorrano le condizioni per un inserimento in NAR/RSA.
d) predisporre, opuscoli informativi per gli utenti nei quali specificare per ogni servizio, tipologia, prestazioni, modalità di acceso, ecc …
e) Accompagnamento per ogni soggetto non autosufficiente che accede ai servizi domiciliari e residenziali di una scheda contenente indicazione dei punteggi riportati nelle schede di valutazione multidimensionale utilizzate;
f) destinare una delle RSA presenti a “Nucleo Alzheimer”;

Ovviamente le proposte potranno essere maggiormente dettagliate nell’incontro; in attesa di riscontro si inviano cordiali saluti

Gruppo Solidarietà