numero 22, gennaio-marzo 2023
Numero accessi: 483 - indietro

Newsletter bibliografica n. 22 - anno 2023 - mesi gennaio-marzo

TEMA: PACE O GUERRA?

Il Centro Documentazione sulle Politiche Sociali propone una newsletter bibliografica dedicata alla situazione internazionale, mostrando materiale per orientarsi sulla via della pace.

FOCUS LIBRI: In questa sezione abbiamo selezionato i più recenti volumi catalogati in tema di analisi politiche internazionali, conflitti armati e vie di pace.

FOCUS ARTICOLI: In questa sezione abbiamo selezionato i più recenti volumi catalogati in tema di analisi politiche internazionali, conflitti armati e vie di pace.


FOCUS LIBRI: PACE O GUERRA?


Codice biblioteca :13.15354
LA VALLE RANIERO, LEVIATANI, DOV'E' LA VITTORIA? , EMI, 2022, pagine 252, € 18

Europa, fine del secolo scorso inizio del nuovo: dopo la scomparsa dei blocchi e dei muri e dopo la speranza mondiale di nuovi equilibri, fondati su giustizia e libertà, tornano ad imperversare i nazionalismi. In Ucraina si giunge al confronto armato tra le potenze occidentali e la Russia che ne certifica i fallimenti del modello unico e pervasivo occidentale. La speranza di vera pace è il disarmo e il rispetto tra i popoli, le culture e le persone.


Codice biblioteca :13.15266
AA.VV., GUERRA , ERICKSON, 2022, pagine 140, € 14,5

Il libro ha lo scopo di aiutare gli adulti a parlare con a bambini e ragazzi di tematiche importanti e difficili come la guerra. I contributi degli autori, nomi autorevoli della psicologia e dell’educazione, illustrano i meccanismi di ricezione delle informazioni da parte dei più piccoli e le giuste strategie per farli avvicinare a temi complessi, per aprire la strada al ragionamento e al pensiero critico individuale.


Codice biblioteca :12.15284
SAPELLI GIULIO, UCRAINA ANNO ZERO , GUERINI E ASSOCIATI, 2022, pagine 142, € 15

Giulio Sapelli nel libro ricostruisce le cause del conflitto tra Russia e Ucraina, facendo entrare il lettore nella storia che ha portato allo scoppio dell'attuale guerra. Ripercorrendo la storia si comprende come i vari paesi siano collegati tra loro e come di conseguenza la crisi di uno porti alla crisi di tutti. Il libro parla in modo divulgativo di una realtà dura ma attuale e invita a mantenere la speranza in un futuro positivo per tutti, che probabilmente sarà possibile solo attraverso dei nuovi accordi.


Codice biblioteca :13.15331
GUADAGNUCCI LORENZO, CAMMINARE L'ANTIFASCISMO , GRUPPO ABELE, 2022, pagine 222, € 16

L’antifascismo si cammina e si respira. A lungo ricercato, ecco che gradualmente si svela a un gruppo di camminatori pacifisti, che ripercorrono i luoghi in cui ancora riecheggia il ricordo delle stragi civili e della guerra di Liberazione. Il concetto, di non facile definizione, si fa cosciente lungo il cammino, nella memoria di ciò che è stato e nell’impegno profuso per eliminare dal mondo tutto ciò che può ancora contribuire a riprodurre quegli orrori.


Codice biblioteca :12.15239
DAMIANO RICCI ALEXANDER, PROPAGANDA EUROPA , GRUPPO ABELE, 2022, pagine 158, € 14

Il volume tratta dell’attuale situazione dell'Europa politica: una realtà burocratica, incapace di tutelare e sviluppare i diritti umani, quelli all'autodeterminazione dei popoli e del welfare. Per uscirne è necessario riattivare la partecipazione dei cittadini e dei movimenti sociali europei, stimolare un dibattito critico che possa sfociare in una organizzazione più democratica ed attenta ai diritti, superando la nefasta contrapposizione tra europeisti e sovranisti.


Codice biblioteca :13.15158
A.A.VV., LA COLOMBA E IL RAMOSCELLO , GRUPPO ABELE, 2021, pagine 123, € 12

Questo saggio, frutto del lavoro a più mani del Movimento Internazionale della Riconciliazione, riflette sul legame tra la prospettiva ecologista e quella pacifista. L’invito al disarmo e alla riduzione delle spese militari, in funzione di maggiori investimenti in ambiti sociali e sanitari, si iscrive nella prospettiva dell’ecologia integrale; in quest’ottica vengono citati gli insegnamenti dei maestri della nonviolenza.


Codice biblioteca :12.15078
PANEBIANCO ANGELO (A CURA DI), DEMOCRAZIA E SICUREZZA , IL MULINO, 2021, pagine 338, € 28

L’opinione pubblica nelle democrazie è spesso portata a sottovalutare i rischi per la sicurezza del Paese. (...) Esaurito il confronto fra Stati Uniti e Unione Sovietica e finita la politica dei blocchi, le minacce alla sicurezza sono diventate più diffuse. Con la ripresa della competizione fra le grandi potenze, le guerre civili che insanguinano certi Paesi extraoccidentali e i cui effetti investono le nostre democrazie, e non ultimi con le azioni dei gruppi terroristici, i rischi oggi si sono moltiplicati.


Codice biblioteca :12.14939
CASTRONOVO VALERIO, CHI VINCE E CHI PERDE , LATERZA & FIGLI, 2020, pagine 257, € 20

In un mondo pieno di incognite, all’apice dell’evoluzione tecnica e scientifica, sottoposto a continui mutamenti e ad emergenze ambientali, gli equilibri internazionali sono messi a dura prova: nuovi eventi politici, nuovi ordini strutturali, una pandemia come quella del Covid-19... l’esperto di storia economica Valerio Castronovo analizza questo cambio di paradigma epocale che ci troviamo a vivere.

FOCUS ARTICOLI: PACE O GUERRA?


CUCCI GIOVANNI S.I., PSICOLOGIA DELLA GUERRA , LA CIVILTA' CATTOLICA, n. 4124/2022, p. 111.

La recente invasione dell'ucraina da parte della Russia ha risvegliato nell'Occidente antiche paure (…) Da qui una serie di domande che tornano inquietanti: perché si continuano a fare guerre? (…) Nell'articolo si ripercorrono alcune motivazioni ricorrenti che rilevano problematiche gravi e complesse. Esse se non saranno affrontate adeguatamente, daranno corso a nuovi e più devastanti conflitti.


SEGIO SERGIO, IL VASO DI PANDORA DELLA GUERRA , APPUNTI SULLE POLITICHE SOCIALI, n. 2/2022, p. 20.

Il conflitto tra sfere diverse di diritti, la loro affermazione in un paese a discapito di un altro, esattamente come ogni altra guerra propriamente intesa, non residua vincitori e vinti, ma solo sconfitti da tutte le parti. È questa un’evidenza e una legge che la storia dovrebbe averci insegnato e che tutti dovremmo tenere bene presente proprio in questi mesi, in cui il massacro bellico è tornato in Europa, rischiando ogni giorno di più di espandersi e generalizzarsi.


VALPIANA MAO, NO ALLA GUERRA, NO ALLA RESA , AGGIORNAMENTI SOCIALI, n. 5/2022, p. 319.

Esiste un'alternativa al rispondere alle armi con le armi? La tradizione del pensiero della nonviolenza lo afferma con convinzione e sottolinea che rinunciare alla difesa armata non significa inevitabilmente arrendersi. Si tratta di un'utopia o è legittimo parlare di difesa civile non violenta? Anche in Ucraina c'è chi propugna una resistenza non armata. A che punto ci troveremmo se si fosse imboccata quella strada?


AA.VV., CAMPAGNA DI OBIEZIONE ALLA GUERRA (DOSSIER) , AZIONE NONVIOLENTA, n. 5-6/2022, p. 3.

Un numero speciale, dedicato agli esiti della Carovana di pace in Ucraina, alla Campagna di obiezione alla guerra, alla Manifestazione nazionale pacifista di Roma, ai 50 anni dell'obiezione di coscienza in Italia.


AA .VV., L'INCERTO DESTINO DELL' "UOMO PLANETARIO" (DOSSIER) , TESTIMONIANZE, n. 546-547/2023, p. 5.

In questo numero gli atti del Convegno, del 9 aprile 2022. L'incontro è stato accompagnato da letture di testi di Ernesto Balducci (...) gli interventi hanno sottolineato l'importanza della figura del fondatori di Testimonianze nella sua immensione spirituale e politica, quale profondo analista e acuto anticipatore di tanti temi che animano ancora i dibattiti dei nostri giorni, anche in relazione alla drammatica situazione venutasi a creare con l'invasione russa all'Ucraina.


SACCO RENATO (A CURA DI), TUTTI TROPPO ARMATI (DOSSIER) , MOSAICO DI PACE, n. 10/2022, p. 19.

Armi, guerre. Viviamo in un mondo in cui il grande business delle armi fa da padrone. Un quadro agghiacciante di come siano diffuse sul territorio italiano Basi Nato e Basi Usa. E poi le bombe nucleari. Con la voce, isolata, di Papa Francesco: "Coloro che fanno la guerra...dimenticano l'umanità". E, non ultimo, i danni collaterali dell'ambiente. Verso quale futuro siamo diretti?


SUBERATI MASSIMILIANO, PACE E GUERRA (DOSSIER) , COOPERAZIONE EDUCATIVA, n. 4/2022, p. 12.

Ultimo numero di Cooperazione educativa, tutto dedicato a testimoniare la pace. In un momento storico dove la guerra è arrivata a minacciare il nostro continente e comprometterne il futuro. Dopo Hiroshima la guerra non è più giustificabile, perché non è praticabile: la minaccia nucleare, infatti, assieme ad altre emergenze globali, mette in pericolo la sopravvivenze dell'intera umanità.


MIRAMONTI ANGELO, MURACA MARIATERESA, PRIMO PIANO "IL SEME SOTTO LE MACERIE"(DOSSIER) , EDUCAZIONE APERTA ONLINE, n. 8/2020, p. 9.

Il dossier tratta dell'educazione nei contesti di conflitto armato e post-conflitto. L’intento non è solo di contribuire a un’operazione di ordine simbolico ma anche di ampliare l’orizzonte rispetto ai conflitti armati, mostrando le risorse, fragili ma pure imprescindibili, che l’educazione è capace di attivare o potenziare persino in situazioni caratterizzate da violenza estrema, oppressione e negazione dei diritti umani. Si esplorano metodologie e pratiche nonviolente e partecipative che, pur essendo nate dal lavoro con persone direttamente colpite dalle guerre, sono foriere di possibilità trasformative anche per altri spazi e tempi.