Data di pubblicazione: 23/10/2022
Numero accessi: 688

indietro

Centro diurno demenze. Quando posso e voglio. Il diritto retrocesso a concessione


Quando posso e quando voglio. Il diritto retrocesso a concessione. Il Centro diurno Alzheimer a Montegranaro (FM), dell'ASUR AV 4, chiuso nella prima fase della pandemia, non ha più riaperto. La plastica dimostrazione non solo del disinteresse sostanziale (già di per sé gravissimo) rispetto alle esigenze delle persone affette da demenza e malattia di Alzheimer,  ma anche del disconoscimento del fatto che il Centro diurno Demenze/Alzheimer sia un servizio di livello essenziale  (Art. 30, DPCM 12 gennaio 2017), che il Servizio sanitario è obbligato ad assicurare al  pari di tutti gli altri previsti nei LEA. Sulla vicenda il Servizio del  TG Marche del 25 ottobre.

Nelle Marche  le persone con demenza sono circa  35.000. A partitre dai dati regionali non aggiornati si può stimare un'offerta nei Centri diurni di 300/400 posti che accolgono per lo più persone nella fase iniziale (definita: moderata) della malattia. A casa sostegni "forti" essenzialmente non ci sono. Vedi qui sul rapporto domanda/offerta Non autosufficienza e sostegno alla domiciliarità nelle Marche. Totalmente inadeguata dal punto di vista quantitativo e qualitativo l'offerta residenziale. Pochi posti  (formali circa 800, sostanziali non più della metà) e molti di quelli presenti definiti dedicati è come se non lo fossero perchè dedicati non sono. Vedi qui L’assistenza residenziale anziani nelle Marche. Prima e dopo il coronavirus.

Vedi anche: L’illegittimo accesso di anziani non autosufficienti in residenze per autosufficienti. Gli altri approfondimenti.

La gran parte del lavoro del Gruppo è realizzato da volontari, ma non tutto. Se questo lavoro ti è utile PUOI SOSTENERLO IN MOLTO MODI.

 


Scarica il file PDF

Adempimenti legge 4 agosto 2017, n. 124


Il nostro Bilancio


60030 Moie di Maiolati (AN), via Fornace, 23


(+39) 0731 703327


grusol@grusol.it